Vera la prima

2015-07-30T14:30:00+02:00



Vera la Prima è il terzo album di Giubbonsky, atipico esploratore musicale mosso dalla sua infinita onestà intellettuale e da una immensa curiosità.
Registrato in Teatro in presa diretta, come si faceva una volta, che mette insieme lo spirito ironico e tagliente di Gaber e Jannacci insieme a quello del canto sociale più impegnato.
Apre l'album un'insolita cover de Il cuore è uno zingaro, successo che nel 1971 si aggiudicò Sanremo eseguito dalla coppia Nicola di Bari e Nada.
Segue Piccola grande mela, originale mix di insolito rap, crossover inframmezzati da fraseggi sinfonico/orchestrali; il terzo brano Meraviglioso Paesaggio è un autentico gioiellino di un blues non diretto dal quale Giubbonsky fa ri-nascere una nuova speranza.
Acqua di fonte è una rock-pop-ballad centrata sull'amore, mentre in Caramella il Giubbo omaggia la Critical Masse e tutti i ciclisti che ogni mattina "riempion l'asfalto con la forza propulsiva delle loro grmbe".
Sia in Svizzero che in Fall Down in Barletta ritornano i temi più cari al cantautore: l'amianto e quella sottile indifferenza intorno alle morti sul lavoro.; rievocate nella tragedia dell'Eternit e nel crollo dell palazzina che fece 5 giovani vittime, tutte donne, nel 2011 a Barletta.
Chiude l'album una nuova versione di Città Blindata che è già entrata nell'immaginario di molti suoi fan, e non solo.
Un disco da ascoltare, che alla perfezione sonora del sound in studio, preferisce il calore, il cuore e la pancia di una registrazione diretta: forte e coinvolgente
Cercatelo, ascoltatelo e acuistatelo..

  • Giubbonsky
  • Cantautoriale
  • Milano (MI)

Link: http://www.giubbonsky.it